Due arresti della squadra mobile di Benevento per estorsione.

Sono accusati di tentata estorsione in concorso e aggravata dal metodo mafioso ai danni di un imprenditore di Benevento. Si tratta di due persone, originarie di Castellammare di Stabia e di Rossano Calabro, entrambe residenti a Vicenza, arrestate questa mattina nel corso delle indagini della Squadra mobile di Benevento. Nei loro confronti un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari chiesta dalla Dda di Napoli e firmata dal gip del Tribunale Partenopeo. Si tratta di uno sviluppo dell’inchiesta che nel gennaio dello scorso anno era sfociata nell’arresto in flagranza di altre due persone fermate dagli agenti della Terza sezione della Squadra mobile sannita mentre cercavano di intascare una tangente da un giovane imprenditore agricolo. Nel gennaio dello scorso anno un giovane imprenditore beneventano che opera nel settore agricolo si era presentato negli uffici di via De Caro per denunciare la richiesta estorsiva legata all’avvio di una nuova attività agricola in Romania. Ora la nuova tappa dell’inchiesta che ha portato all’arresto degli altri due indagati residenti a Vicenza e a Torri di Quartesolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*