38 enne ghanese finisce in carcere per atti persecutori all’ex moglie e al nuovo compagno.

Nel pomeriggio odierno è stata eseguita la misura cautelare di custodia cautelare in carcere, nei confronti di un trentottenne di origine ghanese, ritenuto responsabile di una serie di reati tra cui atti persecutori, lesioni aggravate e porto abusivo di armi, commessi principalmente nei confronti della ex moglie e del suo nuovo compagno. Il medesimo uomo è già sottoposto a processo penale davanti al Tribunale di Benevento per fatti analoghi e sono in corso ulteriori indagini per fatti successivi concernenti minacce sia verbali che telefoniche, violente aggressioni fisiche, danneggiamenti ed incendi, anche nei confronti di operatori sociali che si erano interessati alle vicende che avevano visto vittima la moglie. Le indagini condotte della Squadra Mobile avevano ricostruito numerosissimi episodi di violenze, minacce ed aggressioni da parte del cittadino straniero che era stato di recente tratto in arresto dai Carabinieri, durante un ennesimo episodio di violenza nei confronti della ex consorte, a seguito del quale era stato trovato in possesso di due machete e di una fionda.
Il provvedimento, odierno, emesso dal locale G.I.P., su richiesta della Procura di Benevento, scaturisce dalla richiesta di aggravamento per ulteriori condotte minacciose nei confronti delle vittime e per inosservanza alla misura cautelare del divieto di avvicinamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.