7° Anniversario di ordinazione sacerdotale don Giovanni Panichella.La nota di Franco Petraglia

Oggi ricorre il 7° anniversario di ordinazione sacerdotale – 15 maggio 2010 – del nostro amatissimo don Giovanni Panichella:parroco di S.Maria della Valle e San Nicola Vescovo di Joffredo-Castello in Cervinara. Credo che sia un dovere etico, da parte mia e di tutta la comunita’ parrocchiale di Joffredo-Castello di Cervinara , formulargli i nostri piu’ sinceri auguri e manifestargli tutto il nostro affetto e la nostra gratitudine per la sua passione nell’evangelizzazione, per il suo zelo instancabile, per l’attenzione che presta a ognuno, per la generosita’ e la delicatezza dei suoi interventi in tutte le necessita’ spirituali di coloro che il signore gli ha affidato. Egli sta spendendo la sua vita sacerdotale senza mai risparmiarsi. E per questo gli si puo’ attribuire l’espressione di san paolo apostolo:” mi sono dato tutto a tutti per guadagnare tutti a cristo”.
Sappiamo tutti che dividersi in due chiese non e’ sempre facile, ma questa e’ stata una missione che don giovanni ha abbracciato con tanta forza e amore celestiale. Riteniamoci fortunati e ringraziamo il signore per averci dato un pastore buono, umile, semplice, iperattivo e innovatore, specialmente in questi tempi in cui le vocazioni sacerdotali scarseggiano e nelle parrocchie si vedono molti preti anziani, alcuni dei quali sono costretti a fare gli stakanovisti. Il signore e la vergine immacolata lo aiutino a perseverare nella sua testimonianza dell’amore di dio, benedicano i sette anni che ha vissuto in fedelta’, gli diano ancora energia, entusiasmo e gioia per continuare a “ illuminare” la nostra comunita’.  E Gli donino molti anni ancora di volonta’ e di desiderio per poter svolgere sempre con maggiore impegno il ministero sacerdotale. Il compianto e indimenticato don Tonino Bello, vescovo di Molfetta, avrebbe detto:” vorrei tanto che, per ogni anniversario di sacerdozio, ciascun presbitero tenesse vivo il sogno che nutriva il giorno dell’ordinazione: il sogno di spendere la propria vita per un grande ideale, quello di lasciarsi afferrare dall’amore del signore e mettersi al suo servizio con lui per la salvezza del mondo”. Dilettissimo don giovanni, non e’ una iperbole dire che lei rimane un altissimo custode delle nostre anime e continuera’ a essere una fiamma che arde e una forza che da’ significato alle nostre vite. Grazie di cuore e un abbraccio affettuoso e sincero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*