Abusi edilizi e lavoro nero: denunciate cinque persone.

Lavoratori privi di regolare assunzione, omissioni in materia di sicurezza sul lavoro ed opere eseguite in assenza della prescritta autorizzazione: questo è lo scenario emerso da un controllo presso un cantiere per ristrutturazione di un immobile commerciale di una conceria, effettuato dai Carabinieri della Stazione di Solofra unitamente a personale della Direzione Territoriale del Lavoro di Avellino.
Prosegue l’azione dei Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino, quotidianamente impegnati nel capillare controllo del territorio teso a garantire rispetto della legalità finanche sui luoghi di lavoro, ancora troppo sovente scenari di incidenti le cui conseguenze sono rese maggiormente tristi dal fatto che il più delle volte risultano corollario del mancato rispetto di normative e procedure di sicurezza. I militari operanti hanno eseguito accesso sul sito di un cantiere per ristrutturazione di un immobile commerciale di una conceria -al cui interno operavano diverse imprese- ed hanno riscontrato la realizzazione di opere edili abusive nonché irregolarità sotto il profilo della formazione e della sottoposizione a sorveglianza sanitaria dei lavoratori destinati a mansioni classificate “a rischio”.
Alla luce di quanto accertato per i 4 imprenditori, due irpini e due provenienti dalla provincia di Salerno, è scattato il deferimento in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino.
Nel corso del servizio, infine, i militari hanno contestato prescrizioni e sanzioni amministrative per un importo complessivo di circa 15.000 Euro ed hanno adottato 2 provvedimenti di sospensione dell’attività imprenditoriale a carico di altrettante imprese poiché impiegavano lavoratori privi di regolare assunzione in misura superiore alla soglia del venti percento del totale delle rispettive maestranze fissata dalla normativa vigente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.