Airola. A breve sistema di videosorveglianza del territorio.

A breve Airola sarà più sicura. Martedì due di maggio, alle ore 9,00, si riunisce il consiglio comunale per l’approvazione del bilancio. Tra le tante voci del documento c’è ne una molto importante per quanto riguarda la sicurezza. La giunta, guidata dal sindaco Michele Napoletano, stanzia 80mila euro per la videosorveglianza del territorio, altri 80mila saranno stanziati dal ministero degli interni per dare vita ad un sistema che monitorerà il paese sulla scia di quello che già avviene a San Martino Valle Caudina e che sta dando ottimi risultati. Airola ha avuto accesso ad un Pon Sicurezza, il progetto è stato approvato e così il 50 per cento delle spese sono a carico del comune, mentre l’altra metà a carico del Viminale. Si tratta di un bell’investimento, per un bilancio, che come quello di tutti i comuni, deve fare i coni con i cospicui tagli delle rimesse statali. Ma, ne vale, certamente, la pena. Del resto, Airola, negli ultimi tempi è stata al centro di una recrudescenza di reati, alcuni molto preoccupanti, come ad esempio, gli attentati incendiari contro locali ma anche contro le abitazioni di professionisti. Il sistema permetterà di monitorare il territorio in modo puntiglioso, Non solo, con la lettura delle targhe si potrò sapere anche che genere di vetture entrano ed escono dal centro caudino. Se l’auto è rubata o non è in regola con l’assicurazione, solo per fare degli esempi, scatta una segnalazione immediata e le forze dell’ordine potranno intervenire. Il sistema sarà direttamente controllato dal comando di polizia municipale, diretto tra l’altro da Serafino Mauriello che, essendo comandante anche di San Martino Valle Caudina sa benissimo come funziona. Ma, le immagini e tutto il resto saranno a disposizione di tutte le forze dell’ordine a cominciare dalla locale stazione dei carabinieri. Insomma, si tratta di un momento importante per la città di Airola che investe ed investe in sicurezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.