Airola. “Disservizi raccolta rifiuti, la colpa non è del Comune”

Il Comune di Airola precisa come la presenza di rifiuti non prelevati da diversi punti del territorio non sia circostanza da addebitare ad imperizia dell’Ente bensì alle inadempienze del gestore uscente, ditta Ecologia Falzarano. E’ da evidenziare come l’Ecologia Falzarano abbia presentato ricorso presso le sedi del Tribunale amministrativo della Campania contestando gli esiti della gara che ha visto l’ente affidare l’appalto del servizio di raccolta rifiuti alla ditta Lavorgna. L’udienza presso il primo grado è fissata, al riguardo, il 5 Settembre. Prima di quella data, quindi, non è possibile il subentro del nuovo appaltatore, ditta Lavogna, con la quale il contratto sarà stipulato solo ad esito positivo del provvedimento cautelare. Nelle more il servizio dovrà essere continuato ad essere gestito dalla “Falzarano”. I cittadini, intanto, lamentano – e l’Ente l’ha potuto constatare – come i rifiuti non vengano prelevati dalle zone periferiche di Airola da circa quattro giorni. Sarà sollecitata l’ “Ecologia Falzarano” ad adempiere in modo pieno all’impegno attraverso l’emissione di una nuova ordinanza che farà seguito a quella già emessa Sabato 4 Agosto. Eventuali reiterate inadempienze saranno contestate all’ “Ecologia Falzarano” ed i servizi non adempiuti saranno affidati a terzi con successiva azione di rivalsa in danno. “Non possono ricadere queste problematiche sulla cittadinanza – fa presente il sindaco Michele Napoletano – Ci scusiamo con la Comunità ma le cause di quanto si sta patendo non sono imputabili direttamente al Comune. Per una via o per l’altra ovvieremo all’inconveniente sebbene dovremo sempre rispettare i tempi della burocrazia che non sono veloci”. Per quel che riguarda i servizi di pulizia del verde e delle caditoie si fa presente come da domani, mercoledi 8 agosto, opererà un terzo soggetto che sopperirà alla mancata esecuzione delle prestazioni in questioni previste in seno al contratto con la “Ecologia” con conseguente addebito a quest’ultima dei costi sostenuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.