Airola. “Esternazioni del consigliere Laudando diffamatorie”

L’Amministrazione comunale di Airola prende atto della diffamatoria uscita del consigliere comunale di opposizione del Movimento Cinque Stelle, Bartolomeo Laudando, che, di fatto, definisce la maggioranza consiliare “complice” rispetto alle situazioni di inquinamento ambientale come da ipotesi della Procura della Repubblica. Premesso come le esternazioni del consigliere Laudando saranno oggetto di denuncia-querela presso le competenti sedi da parte di questa Amministrazione, preme ricordare le iniziative che sono state intraprese durante la corrente consiliatura rispetto alla questione ambientale. In ben due occasioni, infatti, questa maggioranza ha promosso la convocazione di altrettanti Consigli comunali con all’ordine del giorno la questione ambientale di via Caracciano. Consigli che sono stati convocati in forma aperta al fine di dare – come avvenuto – la possibilità ai cittadini di intervenire direttamente nella discussione per poter porre in essere le rispettive rimostranze. In sede del primo appuntamento del parlamentino, inoltre, l’assemblea ratificò l’istituzione di una Commissione, con membri anche esponenti della minoranza, deputata al monitoraggio politico delle problematiche ambientali rilevate in “zona Caracciano”, con compito di riferire alla Assise consiliare. A ciò, inoltre, si aggiunga la posizione di una centralina volta al monitoraggio della qualità dell’aria allocata sempre in zona Caracciano. Tutto ciò denota una attenzione vera rispetto alla tematica da parte di questa maggioranza consiliare che mai si era avuta in passato. Per tutto questo appare assolutamente calunniosa la riflessione del consigliere Laudando che, non solo in questa circostanza, ha dato prova di parlare senza nozione di causa. Invitiamo il consigliere Laudando ad un confronto pacato e sereno e, soprattutto, supportato da elementi validi e non da strombazzamenti populistici. Ricordando allo stesso che l’attività politico-amministrativa è tesa al benessere della Comunità e non a conquistare qualche “like” in più sui social.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.