Airola. Polizia municipale, progetto per adeguamento tecnologico

La Giunta comunale di Airola ha dato “nulla osta” alla partecipazione al bando per l’accesso a contributi regionali inerenti azioni e progetti in materia di sicurezza urbana e polizia locale. Come noto, l’Amministrazione airolana ha costituito, con gli Enti di San Martino Valle Caudina, Moiano e Pannarano un Comando unico di Polizia municipale al fine di ottimizzare risorse e mezzi. A tal fine, ad esito di apposito vertice svoltosi con gli altri tre Comuni interessati, si è deciso di “rispondere” all’avviso regionale. I contributi di Palazzo Santa Lucia, come da bando, sono indirizzati a progetti di investimento volti all’adeguamento tecnologico, tecnico strumentale, organizzativo e logistico delle polizie locali e ad ottimizzare e potenziare la funzionalità e l’interoperabilità dei propri apparati di sicurezza con sistemi tecnologicamente avanzati di controllo visivo di telesorveglianza e servizi informatici per la sicurezza. Un progetto da 52.000 euro quello presentato dal Comune capofila di San Martino Valle Caudina e, in particolare, dal Responsabile del Servizio associato di Polizia municipale, Capitano Serafino Mauriello. Tra i dispositivi che si mira ad acquisire con gli eventuali fondi figurano due postazioni di telesorveglianza per il rilevamento delle targhe, un’interfaccia che consentirà alle pattuglie esterne di registrare le attività svolte rendendole disponibili in Sala radio per il coordinamento nonchè a fine turno di procedere alla redazione del cosiddetto “foglio di servizio”. E, ancora, la proposta progettuale prevede l’acquisizione di quattro tablet android e di due software, uno dei quali deputato alla digitalizzazione delle attività di relazione. Il supporto della tecnologia per snellire le attività di ufficio e tentare di sopperire, quanto meno in parte, alle carenze di risorse umane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.