Airola. Saranno abbattuti cinque platani.

Sono cinque le piante di platano che saranno “sacrificate”. Questo il risultato del sopralluogo posto in essere in forma congiunta, nella mattinata odierna, tra tecnici della Provincia di Benevento e personale della Polizia municipale. L’approfondimento è stato condotto all’indomani del crollo di una pianta dal grosso fusto, verificatosi nella serata di domenica, sulla carreggiata della Provinciale che congiunge Airola e Moiano. All’ora di pranzo circa due uomini della Rocca dei Rettori sono giunti ad Airola dove, unitamente al sindaco Michele Napoletano, hanno provveduto ad esaminare tutte le piante che corrono ai margini dell’arteria. “Abbiamo percorso il viale a piedi – così il Primo Cittadino airolano – esaminando, uno ad uno, lo stato di ogni fusto”. Come detto, due platani sono risultati essere praticamente morti mentre altri tre presentano il tronco vuoto. Una situazione che, quindi, non è compatibile con la sicurezza dei cittadini “Stesso domani – spiega ancora Napoletano – provvederò ad inviare una nota alla Provincia di Benevento attraverso la quale dovrò chiedere l’abbattimento “ad horas” di queste cinque piante. Purtroppo è una richiesta che non avanzo a cuor leggero, dal momento che gli alberi ed il viale nella sua interezza rappresentano un luogo di grande tipicità ed un patrimonio per l’intera Valle Caudina. Purtroppo, però, dobbiamo porre in posizione assolutamente prioritaria la sicurezza degli utenti che, tra automobilisti e pedoni, percorrono a migliaia quotidianamente la strada ai cui margini, come noto, si articola anche un percorso pedonale. I recenti episodi di cronaca hanno confermato come sulla sicurezza non si possa affatto essere leggeri. Per questo si impone, lo ripeto con dolore, di agire in via preventiva al fine di scongiurare ogni forma di rischio”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.