Allerta meteo fino alle sei di domani mattina.

L’atteso nubifragio è arrivato puntuale preceduto da violente raffiche di vento che dal pomeriggio imperversano su Irpinia e Sannio. Super lavoro per i vigili del fuoco che stanno facendo fronte a decine di chiamate che arrivano ai centralini dei comandi provinciali di Avellino e Benevento. Alberi abbattuti dal vento, pali della luce divelti, case scoperchiate, per fortuna non si lamentano danni a persone. Questa mattina un grosso albero è caduto a Sferracavallo bloccando per diverse ore la circolazione sulla Statale Appia, problemi nel primo pomeriggio sempre nel territorio di San Martino Valle Caudina dove una costruzione in legno e lamiere è stata portata via dal vento e ancora una volta si è interrotto il traffico sull’Appia. Poi dalle 17 di oggi pomeriggio il nubifragio ha raggiunto il suo apice in Valle Caudina con tormente di vento e pioggia. Nella Villa Comunale di Cervinara due alberi sono stati spezzati dal vento, ancora una volta non si vuole comprendere che gli alberi di alto fusto non possono stare in luoghi frequentati dalle persone come una Villa comunale. Bisogna abbassare l’altezza di questi alberi se si vuole in futuro evitare una tragedia. Dalla protezione Civile l’allerta meteo viene prorogato fino alle sei di domani martedi 30 Ottobre, con allerta di colore Arancione per la zona 2 in cui ricadono il Matese e l’Alto Volturno. Sulla restante parte della Campania, l’allerta è di colore Giallo. Dalle sei di domani su tutta la Campania allerta verde.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.