Annullata dalla Cassazione la condanna di Luigi Bisesto 55 enne di Sant’Agata dei Goti.

Si è tenuto, dinanzi alla VI Sez. Penale della Suprema Corte di Cassazione, il processo a carico di Luigi Bisesto, di Sant’Agata dei Goti, di 55 anni, accusato di estorsione aggravata dal metodo camorristico, che avrebbe commesso ai danni di un imprenditore che realizzava delle opere a Sant’Agata dei Goti, difeso dall’Avv. Vittorio Fucci jr. La Suprema Corte di Cassazione, accogliendo la tesi dell’Avv. Vittorio Fucci jr, ha annullato, con rinvio innanzi ad una diversa sezione della Corte D’Appello di Napoli, la sentenza di condanna a 4 anni di reclusione nei confronti del Bisesto, che, in occasione dell’apertura dell’anno giudiziario presso la Corte D’Appello di Napoli, veniva indicato dalla DIA tra i promotori di una ipotetica associazione camorristica operante in Valle Caudina.
Il Bisesto, peraltro, era già stato assolto, sia dal Tribunale di Benevento che dalla Corte D’Appello di Napoli, dal reato di Associazione Mafiosa, con un pronunciamento quindi di diverso avviso rispetto a quello della Direzione Investigativa Antimafia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*