Appalti truccati, ricoverato in ospedale uno degli imprenditori ai domiciliari.

Seconda giornata di interrogatori oggi per l’inchiesta sugli appalti truccati al Comune di Benevento. Ieri era toccato ad Angelo Mancini che si trova ristretto nel carcere di Benevento, questa mattina sono stati interrogati tre imprenditori ai domiciliari in quanto il quarto Guido Mastantuono di 50 anni, di Montecalvo Irpino – non ha potuto farlo perchè nella notte ha avuto un malore che ha reso necessario il ricovero in ospedale. Ha deciso di non rispondere Antonio D’Addona 52 anni, di Montecalvo Irpino, mentre Pietro Ciardiello, 68 anni, e Mario Siciliano, 52 anni di Benevento hanno dichiarato la loro estraneità alle accuse e negato di aver pagato la presunta tangente di 150 mila euro per la realizzazione del terminal bus, per lavori dell’importo di 900 mila euro. Ha negato ogni addebito, infine, Angelo Pilla di 55 anni, di Benevento, che ha escluso di aver incontrato il dirigente comunale Angelo Mancini. Domani è previsto l’interrogatorio di Angelo Collarile di 44 anni, Fioravante Carapella di 54 anni,Giuseppe Pancione di 56 anni e Pellegrino Parrella di 54 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*