Ariano Irpino, controllate oltre 300 persone in locali pubblici.

In occasione della festività del Ferragosto personale del Commissariato di P.S. di Ariano Irpino sotto la direzione del Dirigente ha proceduto all’intensificazione dei controlli amministrativi , finalizzati alla prevenzione. dell’abuso di alcool e stupefacenti nelle serate della movida arianese, controllando locali pubblici ad Ariano Irpino e paesi limitrofi. Nel corso dei controlli sono state controllate oltre 300 persone tra avventori e dipendenti, di cui 34 con pregiudizi penali.
Nei 15 Locali controllati sono state elevate 57 sanzioni amministrative per un totale di euro 60.870,00 , poiché sono state riscontrate violazioni amministrative relative al sistema di video sorveglianza, carenza di condizioni igienico- sanitarie, ed irregolarità circa lavoro prestato da dipendenti.
La posizione dei dipendenti non regolarmente assunti nonché alcune inadempienze sanitarie sono state oggetto di segnalazione all’ASL di Avellino , all’Ispettorato del Lavoro , all’ Agenzie delle Entrate ed alla Guardia di Finanza. Sono state denunciati alla Procura della Repubblica di Benevento nr. 4 gestori di locali per violazioni della normativa vigente sul lavoro dei dipendenti , in quanto gli impianti di video sorveglianza dei locali , irregolarmente installati ,riprendevano anche personale dipendente in assenza dell’autorizzazione dell’Ispettorato del Lavoro. Inoltre è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Benevento un giovane trentenne, facente parte di una Associazione Culturale del posto, il quale aveva organizzato e pubblicizzato su internet una serata con musica da discoteca , all’interno di un locale non idoneo all’evento, che ha attirato oltre 500 ragazzi ,a cui venivano somministrati anche superalcolici , poiché sprovvisto di qualsiasi autorizzazione . Ospite della serata un noto personaggio televisivo del programma di Canale 5 “UOMINI E DONNE” .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*