Cinque rapine,cinque assoluzioni.

Cinque rapine,cinque assoluzioni. Si è concluso così, dinanzi al Tribunale di Benevento, presieduto dalla dott.ssa Fallarino, a latere i Giudici Loffredo e Telaro, il processo a carico di Pietro Cioffi, Ceglia Lorenzo e Mazzia Domenico, originari di Rotondi, i quali erano stati tratti a giudizio per rispondere di cinque rapine aggravateposte in essere tra il dicembre del 2007 e l’aprile del 2008 aidanni di altrettanti esercizi commerciali siti in Valle Caudina, per lo più rivendite di Sali e Tabacchi, tra Paolisi, Bucciano, Moiano, Sant’Agata de’ Goti e Montesarchio. Due persone travisate in volto da passamontagna e armate di fucili o pistole entravano negli esercizi commerciali e rapinavano i gestori e i loro clienti, per poi darsi alla fuga con autovetture rubate in precedenze e poi date alle fiamme. Difesi dagli Avv.tiFrancesco Perone e Dario Vannetiello, l’assoluzione per non aver commesso il fatto è giunta al termine di una lunga istruttoria dibattimentale, durante la quale, oltre agli organi inquirenti che avevano curato le articolate indagini, tra cui i Carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Montesarchio, sono stati sentiti tutti i titolari degli esercizi commerciali e le vittime delle 5 rapine. All’esito deldibattimento la Pubblica Accusa, rappresentata dalla Dott.ssaCapitanio, aveva chiesto la condanna di tutti gli imputati alla pena di 8 anni di reclusione. Di diverso avviso èstato il Collegio Giudicante, che condividendo le perplessità della difesa sulle modalità con cui si era giunti alla individuazione degli autori delle rapine, attraverso, cioè, il riconoscimento da parte delle persone offese di indumenti appartenenti agli imputati e di un’arma sequestrata loro nel corso di un’altra rapina, li ha assolti per non aver commesso il fatto. Ed infatti, le indagini relative alle cinque rapine oggetto delprocesso, si erano orientate proprio sul Cioffi e sul Ceglia, inseguito al loro arresto in flagranza, avvenuto nell’aprile del 2008, dopo che gli stessi avevano messo a segno una rapina nei confronti di un Sali e Tabacchi di Roccabascerana, per la quale sonostati condannati, nel luglio del 2008, dal Gup del Tribunale di Avellino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.