Assolto dal reato di evasione, un 43 enne pregiudicato difeso dall’avv.Michele Florimo.

La vicenda risale al settembre 2015 e vede come protagonista S.G. di 43 anni di origine napoletana ristretto agli arresti domiciliari ad Avellino, che è stato giudicato dinanzi al Tribunale di Avellino, Giudice dott.ssa Sonia Matarazzo, per il reato di evasione con la contestata recidiva reiterata, perché gravato da vari precedenti penali. L’imputato è stato giudicato con rito abbreviato e la prova dell’evasione era offerta dalle dichiarazioni degli agenti di polizia che avevano effettuato il controllo presso l’abitazione del padre presso cui era ristretto agli arresti domiciliari l’imputato, per averlo trovato fuori dall’abitazione e dentro l’androne del portone dello stabile in cui era ubicato l’appartamento, intento a fumare una sigaretta abbigliato con pantaloncini e ciabatte. Il giudicante nell’affrontare il caso ha pienamente accolto la tesi difensiva e la conseguente richiesta di assoluzione avanzata dal difensore di fiducia, l’avvocato penalista Michele Florimo di Cervinara, che ha sostenuto e pienamente dimostrato come la condotta posta in essere dall’imputato fosse irrilevante ed insussistente ai fini della configurabilità del reato di evasione, data anche la particolare tenuita’ del fatto e pertanto l’inoffensivita’ della condotta posta in essere dall’agente. L’uomo, per il quale il PM aveva chiesto un anno di reclusione, è stato così assolto dal reato ascrittogli in quanto non punibile per particolare tenuita’ del fatto. Pienamente soddisfatto il difensore Avv. Michele Florimo, anche per la rilevanza del pronunciamento che di certo costituira’ un importante precedente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*