Assolto l’ex deputato Marco Pugliese per vicenda rimborsi sanitari.

Si è conclusa l’indagine giudiziaria portata avanti dal P.M Henry John
Woodcock dall’ottobre del 2013 che attraverso un avviso di garanzia
accusava l’ex parlamentare Marco Pugliese di infamanti reati di “falso e truffa”
per il rimborso presso la struttura sanitaria della Camera dei Deputati di
alcune fatture per prestazioni fisioterapiche mai effettuate in una
struttura sanitaria nel napoletano.Il G.U.P del Tribunale di Napoli in fase di
udienza preliminare, ha ritenuto le accuse inconsistenti e quindi con una
sentenza di proscioglimento ha dichiarato che il fatto non sussiste, tanto
da ritenere di non iniziare nemmeno il processo. Tra l’altro il P.M. Woodcok
nel Luglio 2016 aveva anche chiesto ed ottenuto alla Camera dei Deputati ,senza
alcuna opposizione da parte dell’on. Pugliese, l’autorizzazione ad usare il
tabulato telefonico per le intercettazioni legate all’indagine.
“Finalmente la vicenda si è chiusa – dichiara Marco Pugliese – Giustizia è
stata fatta. Non ho avuto mai dubbi della mia totale estraneità rispetto
alle accuse. Tra l’altro chi mi conosce sa benissimo che proprio in quel periodo
fui vittima di un grave incidente che mi comportò la rottura del tendine di
Achillee la lesione dei legamenti della caviglia sinistra con dovuti
interventi chirurgici. Per questo ho dovuto sostenere delle specifiche fisioterapie di
trattamento, per poche centinaia di euro, rimborsatemi dall’assistenza
sanitaria integrativa della Camera. I deputati attraverso una retta mensile
di euro 550 sono vincolati obbligatoriamente e quindi non possono portare tali
spese in detrazione fiscale nella dichiarazione dei redditi. L’occasione mi
è gradita per ringraziare i miei legali, i miei familiari e i tanti amici che
in questa fase mi sono stati vicini. Sulla mia pelle, ho capito quanto è
importante riformare la Giustizia nei confronti dei cittadini italiani, che
spesso si dimostra troppo celere per indagare, denigrare e infangare le
dignità delle persone e troppo lenta per dimostrare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*