Attentati Cervinara-San Martino V.C.:Prefetto convoca comitato ordine e sicurezza pubblica.

Il prefetto di Avellino non ha perso tempo. Anche la rappresentante di governo ha giudicato grave ed allarmante ciò che è avvenuto sabato sera a Cervinara e a San Martino Valle Caudina. Cosi la dottoressa Maria Tirone ha convocato per domani, mercoledì 17 ottobre,alle ore 12 e 30 una riunione straordinaria del comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica. Ai lavori prenderanno parte anche Pasquale Pisano e Filuccio Tangredi, sindaci, rispettivamente, di San Martino Valle Caudina e di Cervinara, i due paesi teatro degli attentati. La convocazione di una seduta straordinaria del massimo organismo che coordina le forze dell’ordine provinciali è una sorta di risposta a ciò che è successo sabato,. Due attentati, nella stessa sera, in due paesi diversi, a distanza di poco tempo l’uno dall’altro. Gli autori sono stati tutti identificati ed assicurati alla giustizia, con l’associazione in carcere o con denunce in stato di libertà. Ci sono, però, degli aspetti che vanno assolutamente chiariti. Il ferimento di via Ciardoni a Cevinara, infatti, dovrebbe essere la risposta ad un lite che il 22enne ferito aveva avuto con alcuni componenti del commando, Una sorta di lezione. Ma le cose a San Martino Valle Caudina, sono state molto più gravi. Giuseppe De Martino, il 31enne in carcere con l’accusa di tentato omicidio, lesioni gravi e porto abusivo di armi, infatti, ha sparato diversi colpi verso il 29enne che è stato ferito al piede. Colpi che potevano raggiungere chiunque si trovasse nei paraggi. E, quell’ora, poco lontano la luogo dell’attentato, c’erano tanti bambini che stavano per tornare a casa dopo un pomeriggio di giochi. Insomma, si è sfiorata una tragedia. Ed i cittadini si chiedono come è possibile che poco dopo aver commesso un attentato, i tre del commando, a bordo della stessa 500 bianca, si sono recati, impunemente, a fare un altro ancora più grave? Insomma, sabato si ha avuto la plastica dimostrazione di quanto sia sguarnito il territorio. I due sindaci non potranno non far presente al comitato che è necessario rafforzare le forze dell’ordine che si trovano sul territorio. Non solo, c’è bisogno di un coordinamento vero e pregnante. Non è sfuggito a nessuno che sabato sere c’erano in giro solo i carabinieri , eppure a Cervinara c’è anche un commissariato di polizia. Probabilmente, dopo il ferimento di via Ciardoni, sarebbe dovuto scattare un meccanismo di emergenza che non c’è stato. Non dimentichiamo, infatti, che il commando si è allontanato impunemente anche da San Martino e poi i tre sono stati identificati solo grazie alle telecamere di sicurezza. Insomma, sabato si è evidenziata più di una falla, non tollerabile, nel sistema di sicurezza. Infine, fatto non secondario è ora di dare un giro di vite al traffico di sostanze stupefacenti. In Valle Caudina gira troppa droga e le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.