Audax Cervinara: nel 2017 si ritorna al Canada?

Ad inizio campionato tutti in casa Cervinara, avrebbero messo la firma sul quarto posto in classifica, zona play off conquistata con autorevolezza e obiettivo di un torneo di vertice pienamente centrato. Invece nonostante i 27 punti in classifica resta l’amarezza che qualcosa di più si poteva ottenere. Ai biancoazzurri mancano almeno tre o quattro punti, frutto di penalizzanti decisioni arbitrali, ma anche di qualche errore di concentrazione che ha fatto sfumare il risultato proprio sul filo di lana. Rivivere il fil del pareggio con la Battipagliese, delle sconfitte immeritate con San Vito Positano e in ultimo con la capolista Ebolitana lascia decisamente l’amaro in bocca. L’unica partita che i biancoazzurri hanno effettivamente “ciccato” è stata quella con La Polisportiva S. Maria, costata la prima sconfitta interna della stagione, per il resto quello fin qui disputato è stato un campionato di alto livello. Dicevamo che il Cervinara non è stato fortunato con gli arbitri, la maggioranza è arrivata da fuori regione per una regola che va assolutamente considerata. Infatti spesso è accaduto di vedere all’opera arbitri nettamente inferiori a quelli della nostra regione, che come è noto hanno non pochi problemi, con curriculum veramente modesti, di cui quasi tutti si lamentano. Altri elementi che hanno condizionato il torneo dei cervinaresi sono stati quelli degli infortuni e delle squalifiche. Perdere Befi praticamente per tutto il girone di andata, rinunciare a Zerillo per alcune gare, fare a meno nelle ultime tre partite di giocatori importanti come Russolillo e Clemente Mariano, sono attenuanti che rendono il risultato fin qui conseguito assolutamente positivo. Ora in questa pausa natalizia si cercherà di ricaricare le pile, certamente saranno recuperati gli infortunati e sicuramente rivedremo a partire dalla trasferta di S. Agnello il migliore Cervinara a lungo sognato. Un Cervinara modificato in corsa dai nuovi arrivi, Calabrese in difesa, Fusco e Furno a centrocampo, Bovino e Parente in attacco. Hanno sostituito chi ha lasciato, il capitano Simone Cioffi approdato al Sorrento e poi De Feo, Buonocore, ed in un ultimo un po’ a sorpresa Spasiano. A testimoniare un campionato di prim’ordine sono anche i numeri, otto vittorie, tre pareggi e quattro sconfitte, di cui tre nelle ultime quattro gare, seconda migliore difesa dietro la capolista Ebolitana, con solo nove reti subite. Intanto la società sta valutando se tornare a gennaio al “Canada”, il terreno in erba naturale è ormai pronto, la squadra lo ha saggiato effettuando due sedute di allenamento. C’è ancora tempo a disposizione per decidere fino al 15 gennaio quando i caudini affronteranno il Rinascita Vico. Da un lato si vorrebbe il calore dello stadio di casa, dall’altro però c’è il timore che la squadra è troppo abituata a giocare sul sintetico di Paolisi. Il rompete le righe è avvenuto con un amichevole la vigilia di Natale con i cugini del San Martino, per la cronaca 4-0 per gli uomini di Ferraro, con Befi, Clemente Mariano e Russolillo tenuti prudentemente a riposo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*