Audax Cervinara vs Folgore Selinunte: i magnifici undici.

Eccoli i magnifici undici chiamati a scrivere la pagina di storia più importante del Cervinara. Saranno loro, spinti da una intera comunità, a cercare quel sogno che man mano si va materializzando. Occorrono due reti per ribaltare il risultato dell’andata e raggiungere il paradiso, ma per ottenerlo ci vuole tanta calma, tantissima tranquillità, determinazione e cattiveria agonistica. E’ prevedibile che in campo scenda un Cervinara arrabbiato, deciso a prendersi la rivincita sui siciliani la cui vittoria all’andata si è basata solo su episodi negativi, se non volgiamo chiamarli errori, il vero nome. In porta il giovane portiere De Luca, come tutti gli under a volte te lo da, in qualche circostanza te lo toglie. Ma il ragazzo nei momenti importanti sa essere anche decisivo. I terzini di fascia sono Furno a destra e Clemente Mariano a sinistra. La loro spinta, soprattutto quella di Clemente, e lo spiccato senso tattico, in prevalenza quello di Furno, sono caratteristiche fondamentali per una partita non facile. Entrambi devono cercare di evitare le pericolose ripartenze avversarie. Difesa completata dai due centrali, il capitano Felice Pepe ed il suo compagno di ruolo Giuseppe Calabrese. Il primo oltre ai compiti di gioco è quello che deve suonare la carica, motivare, sostenere, consigliare i compagni, il secondo deve invece svolgere il solito lavoro di sostanza, prendersi la rivincita nei confronti di Mario Erbini, l’attaccante siciliano che all’andata ha realizzato una doppietta. In questa gara fondamentale il ruolo del centrocampo, il lavoro sporco di Piergiuseppe Saginario, che con la sua rete ha mantenuto in vita la speranza serie D, le geometrie di gioco e gli inserimenti senza palla di Giulio Fusco che possono far male, la personalità dell’under Calandrelli che con il suo continuo movimento è capace di inibire le fonti del gioco avversario. Ed infine il reparto d’attacco, generalmente decisivo in una partita di questa importanza. Il ritorno in campo di Orlando Russolillo è fondamentale. Lo “ spacca partite” come viene definito, recuperato dall’infortunio, è l’arma in più per una squadra che deve affondare in avanti per rimontare. Ne beneficeranno di questo Diego Zerillo e Alessio Befi, tutta Cervinara aspetta i loro gol per volare in paradiso. E gli avversari? Non sarà facile per mister Domenico Terranova sostituire pedine come il portiere Iacono, il terzino Cammareri ed l’attaccante di sinistra Seckan, che saranno assenti per squalifica. Prevedibile che il tecnico siciliano cambierà modulo e presenterà una Folgore più coperta, affidandosi in avanti ai soli Prestia ed Erbini. La sensazione è che sarà molto folto il centrocampo per evitare al Cervinara di fare gioco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*