Audax Cervinara vs Folgore Selinunte: quando la scaramanzia vuole la sua parte.

Non è vero, ma ci credo. Cosa sarebbe il gioco del calcio, senza la fantasia in campo e senza la scaramanzia dentro e fuori dal terreno di gioco? Senza queste due componenti perderebbe almeno il novanta per cento del suo fascino. Una rovesciata di Pelè,un tocco di Maradona o di qualsiasi altro fantasista sono gesti imponderabili, irrazionali, che abbandonano la logica per entrare nella poesia. Ed ogni qual volta quando anche un ragazzino per strada fa qualcosa di simile, fa rinascere il gioco del calcio, Ma, calciatori, allenatori, presidenti e tifosi sono anche molto ma molto scaramantici, Lo sono sempre e figuriamoci come lo sono a 48 ore da una finalissima storica. Naturalmente, stiamo parlando di Audax Cervinara. Folgore Selinunte, finalissima play off per accedere al campionato di serie D che si gioca sabato 10 di luglio alle ore 16 e 30, alla stadio Canada- Roberto Cioffi. In queste ore impazza la caccia al biglietto, allo stesso tempo, gli ultras promettono una scenografia indimenticabile. Non solo, c’è chi, come Pasquale Vittorio, amico fraterno del presidente dell’Audax Joe Ricci si è messo in viaggio, addirittura da Stoccarda, per non perdere la partita attesa una vita. Ma non basta, impazza, come è giusto che sia, la scaramanzia. Vi diamo solo qualche spunto, in quello che è un vero e proprio oceano di storie. Ad esempio, c’è chi,come Geppino Cioffi, grande tifoso ed in passato anche dirigente, indossa sempre gli stessi indumenti in tutte le partite. Ma, quando sono iniziati i play off la temperatura era abbastanza fredda, quindi, il poverino, con il caldo di questi giorni, sta sudando molto di più delle fatidiche sette camice. E, non osiamo neanche immaginare come se la sia cavata a Castelvetrano con i 40 gradi e sotto il sol leone siciliano. Ma, la scaramanzia viaggia anche su i social e l’ironia riesce a trasformare anche quello che era un brutto striscione, in qualcosa di bello. La sera prima della partita, intorno alle 18 e 30, tutti i tifosi attendono un post che pubblica Alberto Lanni per il calciatore Clemente Mariano. I due sono molto amici e, qualche anno fa, fu esposto uno striscione in uno stadio di un paese limitrofo, non lusinghiero verso il calciatore dell’Audax che diceva: Chi ama non dimentica, Mariano infame per te solo lame. Alberto ha ripescato la foto di quello striscione e la pubblica la sera prima della gara e se fa tardi, i tifosi sono pronti ad insorgere. Anche il bomber Befi pubblica sempre lo stesso post, A testa alta. Anche così si sta vivendo queste ore che separano dalla gare, ore che sembrano interminabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*