Audax Cervinara vs Vastogirardi: cresce al tensione.

Si contano le ore e i minuti che mancano al ritorno in campo del Cervinara, che al “Canada” ospita il Vastogirardi. C’è attesa per la partita che potrebbe regalare la storica finale per l’accesso in serie D, ma c’è anche la consapevolezza che lo scoglio molisano non sarà affatto facile. Alla comprensibile euforia dopo la vittoria di domenica ora i toni sono più contenuti, e si cerca di guardare alla sostanza, ben sapendo che mancano novanta minuti tutti da vivere. Perfino i tifosi che pure stanno lavorando alacremente per addobbare al meglio il “Canada” parlano poco della partita, tengono dentro i propri pensieri e le ovvie emozioni. In questo tipo di competizioni è sempre difficile dare tutto per scontato anche se il Cervinara ha dalla sua la possibilità di puntare al doppio risultato, praticamente basterebbe anche un pareggio. Ma calcoli non bisogna farli, è opinione diffusa che i biancoazzurri devono andare in campo tranquilli, non fare calcoli, giocare come sanno, ed in questo modo tutto diventerà più facile. Il tecnico Ferraro sta lavorando sodo, la squadra dopo le sedute di preparazione al “Russo” di Paolisi si è trasferita al “canada” dove il manto erboso era stato preservato nei primi giorni. E’ indubbio che si cerca di capire cosa ha in mente l’allenatore cervinarese, come schiererà la squadra, e se ci saranno delle novità. A guardare la partitella in famiglia del giovedì Ferraro ha provato delle alternative. In campo un centrocampo più fisico con l’under En Namli spostato in attacco. Ma questa ci sembra una soluzione che difficilmente troverà pratica attuazione, perché in questo caso significherebbe rinunciare dall’inizio a uno come Russolillo, cosa che sembra improponibile, tenuto conto che i “tre tenori” del reparto di attacco, Zerillo, Befi e per l’appunto Russolillo, sono inamovibili. E poi certamente il Vastogirardi tatticamente non sarà quello di domenica, deve provare a fare qualcosa, per cui il suo marcamento ad uomo andrà a farsi benedire. La conferma arriva dal Direttore Sportivo dei molisani Antonio Crudele:” Certamente noi dobbiamo osare un po’ per rimettere in gioco la qualificazione. C’è ancora il rammarico di qualche errore decisivo commesso domenica scorsa. Aspettiamo i nostri attaccanti anche se contro giocatori come Pepe, che a me ha impressionato tantissimo, e Calabrese non sarà facile. Per quanto riguarda i tifosi contiamo di completare almeno un bus.” Per i molisani non sembra definitivamente risolta la questione Masciantonio, il calciatore prima allontanato dalla società per alcune dichiarazioni e poi richiamato alla vigilia della gara con il Cervinara. Ancora problemi in questi giorni, qualche allenamento saltato, potrebbe non far parte della comitiva in partenza per Cervinara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*