Autismo: associazioni Aipa e Angsa scrivono al direttore generale dell’Asl Av.

Le Associazioni AIPA e ANGSA Campania, promotrici del Tavolo Tecnico congiunto ASL, USP Ambiti, per la programmazione e la rivisitazione delle attività socio assistenziali di cui al DPCM 12 Gennaio 2017, inerente i LEA per gli autistici, soggetti psichiatrici e tutti i disturbi del neuro sviluppo ( art. 21, 25, 26, 27 e 60) , hanno già nelle prime due sedute consegnato documenti inerenti le sole richieste qualitative inerenti i PTDA dei loro figli, ivi incluse le richieste di figure di coordinamento socio pedagogico ( BCBA) ogni 20 bambini per l’integrazione PEI e PAI, attività scolastiche ed in ambiente di vita. È stato inoltre presentato il documento di posizione espresso dalle associazioni di genitori a tutela dei diritti delle persone con autismo in età adulta condiviso e pubblicato da ANGSA nazionale sul bollettino 1 2017, con il quale si concorda. Sono state le stesse Associazioni AIPA ed ANGSA Campania a chiedere la consegna degli Statuti, a fronte di voci di interessi conflittuali per l’assegnazione delle attività da parte delle ASL e degli Ambiti a enti e soggetti di Terzo Settore. Un conflitto che non ci appartiene. In questo momento crediamo che la ASL sia troppo impegnata a valutare e a dirimere i conflitti sulle assegnazioni dei servizi a Sant’Angelo dei Lombardi, del futuro Centro autismo, dei servizi di neuropsichiatria del Centro Australia, tanto da ritenere i mezzi di stampa il modo più efficace di far sapere alcune cose alle famiglie: ovvero che il luogo per i figli, dove fare laboratori, semi residenza, residenza, ecc e dove ci si aspettava che si facesse eccellenza, sia l’ennesimo ufficio ASL. Sentiamo che l’etichetta dei processi democratici, come un Tavolo Tecnico, banalizzato da uno show mediatico, nasconda purtroppo un vuoto progettuale dal silenzio assordante. E con lo spirito autistico dei nostri figli, ci ritiriamo di buon grado, in attesa che la ASL ci presenti un vero Piano in risposta ai LEA suddetti, inclusi i servizi sanitari quali visite mediche, visite odontoiatriche, otorinolaringoiatriche, oculistiche, ecc, nonché Pronto soccorso per soggetti con autismo, completamente scomparse dalla discussione “sanitaria” a fronte dei servizi educativi abilitativi e “ricettivi-residenziali”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.