Avellino-Bari 1-2. Novellino ai titoli di coda

Novellino presenta novità in ogni reparto. Sulla corsia sinistra della difesa c’è Marchizza mentre la linea mediana, priva dello squalificato Di Tacchio, è composta da D’Angelo e dal redivivo Moretti. Cabezas e Vajushi sono gli esterni con Asencio alle spalle di Ardemagni. Nel Bari, invece, rientra Galano nel tridente offensivo, completato da Nenè ed Improta, che al 4′ calcia in diagonale addosso a Lezzerini. I pugliesi sono pericolosi anche al 10′ quando Iacolano apre per Galano. Il fendente del fantasista barese viene respinto a fatica da Lezzerini. L’Avellino è troppo arretrato e soffre. Novellino inverte la posizione degli esterni ma trema al 24′ quando un sbagliato controllo di Ardemagni apre una corsia preferenziale per Iocolano, che chiude la sua progressione con un sinistro a fil di palo. Al primo affondo i lupi passano: tutto nasce da un recupero di Kresic, che si proietta nella trequarti avversaria e innesca a sinistra Vajushi, che infila il pallone nell’angolo. La reazione del Bari porta la firma di Nenè che al 43′ di testa spedisce il pallone oltre la traversa. In avvio di ripresa Asencio sfiora il raddoppio in scivolata. Il gioco del Bari passa sempre per i piedi di Galano. Ci prova Henderson ma la mira è imprecisa. Entra Castaldo per uno spento e nervoso Ardemagni, che fa le corna ai tifosi. Dopo un’occasione di Nenè, Vajushi chiede il cambio e viene rimpiazzato da Laverone. Il Bari pareggia al 64′: il cross di Iocolano premia Nenè che anticipa Kresic e di testa batte Lezzerini. Va di lusso ai biancoverdi quando al 70′ la conclusione di Improta dal limite è deviata da Laverone, scavalca Lezzerini ma si spegne in angolo. Ancora Improta con un piattone destro vicino al bersaglio. L’Avellino è in affanno, il Bari ci crede ed al 91′ trova il gol-vittoria con il neo entrato Cissè. Profondo rosso per i lupi, Novellino addio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*