Avellino. Bocciato bilancio consuntivo 2017

Si fa sempre più in salita il percorso del nuovo sindaco di Avellino Vincenzo Ciampi. I revisori dei conti hanno bocciato il bilancio consuntivo 2017, dopo che anche il ministero dell’economia e finanza aveva posto rilevato diverse incongruenze. Si tratta dell’ultimo bilancio della giunta Foti che, però, il consiglio precedente non ha approvato. Così, per la continuità amministrativa sarebbe toccato a quello che si è appena insediato. Un fatto che era stato già accolto con tanta perplessità dal sindaco attuale, tanto è vero che lui aveva invitato i 18 consiglieri della maggioranza del centro sinistra a votare loro il bilancio consuntivo. Ora, però, le cose si complicano. La bocciatura da parre dei revisori dei conti mette a serio rischio proprio l’avvio della consiliatura. Lo stesso Ciampi, nei prossimi giorni, ma a stretto giro dovrà chiedere alla prefettura di Avellino una proroga che consenta di correggere il documento contabile e poi portarlo in consiglio per l’approvazione. Se la prefettura dovesse concedere la proroga non è detto, però, che il documento venga licenziato perché il sindaco Ciampi non ha maggioranza in consiglio. Ed ancora, l’altro fatto abbastanza preoccupante è che per mettere a posto i conti non si esclude di andare verso il dissesto. Una ipotesi che Ciampi aveva sempre ventilato come ultima spiaggia ma che ora è molto concreta. Ma c’è ancora una questione che mette una seria ipoteca sulla partenza del governo cinque stelle del capoluogo irpino. I pentastellati potrebbero presentare un ricorso contro l’attribuzione dei seggi. Un fatto del genere metterebbe in seria crisi l’accordo politico che si era raggiunto con le tre compagini che si erano presentate da sole al primo turno ed al secondo hanno invitato a votare Ciampi senza effettuare alcun apparentamento. Insomma, sarà un’estate bollente per il primo cittadino di Avellino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.