Avellino. D’Amelio, scongiurare la chiusura del reparto oncologia del moscati

“Bisogna fare di tutto per scongiurare la paventata chiusura – seppur per un breve periodo – di un reparto delicato come quello di Oncologia, in cui si riversa tanta sofferenza poiché accoglie pazienti con patologie gravissime che non dovrebbero mai essere lasciati senza assistenza, e che rappresenta, tra l’altro, un’eccellenza nell’ambito del panorama sanitario irpino”.

Così la Presidente del Consiglio Regione Campania Rosetta D’Amelio, sulla possibilità di chiusura del reparto di Oncologia della Città ospedaliera di Avellino per un periodo che va dal 3 al 23 agosto.

“Ho già definito, per mercoledì alle 15:00, un vertice in sede regionale con il Manager Dott. Rosato, il Dott. Coscioni, Delegato del Presidente della Regione Vincenzo De Luca sulla Sanità, ed il futuro Presidente della Commissione Sanità, il cui insediamento ufficiale è previsto invece per lunedì mattina. Siamo di fronte ad un fatto di estrema gravità che va affrontato e risolto immediatamente. Lo scopo di questo incontro non sarà finalizzato alla mera risoluzione della problematica ‘estiva’ del reparto oncologico della Città Ospedaliera di Contrada Amoretta – ha sottolineato la Presidente del Consiglio regionale – ma sarà l’inizio di un nuovo percorso, finalizzato ad evitare, anche per il futuro, paventate chiusure di importanti reparti ospedalieri per la mancata copertura di personale, avendo sempre presente che la priorità è il diritto dei pazienti e dei lavoratori”.

“I problemi – ha poi aggiunto D’Amelio –  si possono risolvere se si viene informati, ed è stato solo grazie ad una telefonata da parte della responsabile dell’Amdos di Avellino che siamo venuti a conoscenza di queste criticità. In tal senso c’è tutta la volontà da parte mia e della Regione di attivarsi e porre tempestivo rimedio alla questione con atti pratici immediati e non certo con le chiacchiere e le polemiche sterili che leggo in questi giorni”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*