Avellino-San Martino V.C.. Sportelli di sostegno e orientamento al lavoro. Ma il lavoro dov’è in questi territori?

In un territorio dove i più deboli non hanno il minimo dei servizi sociali garantiti, dove non esistono più attività produttive ed il lavoro è solo una chimera, si pensa a servizi che andrebbero bene in società molto più evolute della nostra. Da oggi ad Avellino, ma, soprattutto, da giovedì prossimo a San Martino Valle Caudina, sono in funzione sportelli di sostegno ed orientamento al lavoro. Si tratta di un progetto che vede come soggetto capofila il consorzio Percosi ma che ha tanti partner pubblici che sono il consorzio Asi di Avellino, il piano sociale di A04, i comuni che fanno parte del consorzio, la Cisl Irpina/Sannio ed il consorzio RO.MA. Che servizi potranno avere coloro che si recheranno presso questi sportelli? Informazioni su bandi ed incentivi messi in campo dalla regione Campania, a partire dalle nuove linee guida di Garanzia Giovani. Ma gli sportelli dovranno anche aiutare a conciliare, per le donne con figli, i tempi tra vita e lavoro. Per quanto riguarda il primo punto, queste informazioni sugli incentivi della regione si possono reperire, semplicemente, via web. Per il secondo punto, visto che il progetto è stato elaborato, dopo una serie di seminari nei comuni del territorio del piano sociale di zona, si dovrebbe, semplicemente, sapere che, sopratutto per le donne,in queste terre, non c’è lavoro. E quel poco che c’è, è in nero e malpagato. Cosa faranno gli addetti agli sportelli? Aiuteranno a conciliare i tempi del lavoro nero con quelli della famiglia?. Francamente, sembra uno sforzo inutile, che, però, ha dei costi per la collettività. Questo progetto che prende il nome di sistema Irpinia, rientra negli accordi territoriali di genere della Regione Campania sui territori. E’ indubbio che le donne in questi territori vivono delle situazioni di svantaggio evidente, in molti casi anche a rischio. Avrebbero bisogno di tanto, non solo di conciliare i tempi di un lavoro che non hanno con quelli della famiglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.