Avellino. Sequestati 427 chili di sigarette di contrabbando.

Le Fiamme Gialle avellinesi proseguono il contrasto al fenomeno del contrabbando di tabacchi
lavorati esteri lungo le arterie che collegano la Campania e la Puglia, che ha fatto nuovamente
diventare l’Irpinia un “fondamentale” snodo, come alla fine degli anni ’90. I militari della Sezione Mobile del Nucleo Polizia Economico-Finanziaria di Avellino, nel corso dei quotidiani servizi anticontrabbando disposti dal sovraordinato Comando Provinciale, a seguito del controllo di un autoveicolo “intercettato” lungo l’Autostrada, nel cui bagagliaio venivano rinvenuti e sottoposti a sequestro 50 chili di sigarette di contrabbando, avviavano ulteriori indagini, finalizzate a ricostruire l’intera “filiera” dei tabacchi. All’esito delle attività i Finanzieri irpini riuscivano ad individuare due depositi di stoccaggio “all’ingrosso” di sigarette di contrabbando, siti nel comune di Brusciano (NA) ed a Napoli, nella zona di Porta Nolana, ove venivano sottoposti a sequestro ulteriori 377 chili di sigarette, tutte prive del contrassegno di Stato. Tra i generi sequestrati, oltre ai noti marchi presenti nelle tabaccherie (MARLBORO, ROTHMANS e CHESTERFIELD), sono state rinvenute anche le cosiddette “cheap white” (MARK-1, MARVEL, REGINA, MARBLE), cioè prodotti da fumo fabbricati legalmente ed a costi bassissimi nei paesi dell’Europa dell’Est e del Medio Oriente, dove i marchi sono regolarmente registrati, ed in quei paesi direttamente acquistati dalle organizzazioni contrabbandiere.
I pacchetti sono molto simili a quelli dei brand più conosciuti ma non sono ammessi alla vendita
sul territorio dell’Unione Europea poiché non prodotti con gli standard qualitativi previsti dalla
normativa vigente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.