Avvocati, netta contrarietà a ridefinizione mappa

“Netta contrarietà rispetto al progetto di ridefinizione della mappa giudiziaria”. E’ quanto espresso dal coordinamento nazionale dei presidenti distrettuali e delle unioni regionali-interregionali degli Avvocati di 13 regioni (Sicilia Sardegna Puglia Calabria Molise Abruzzo Marche Umbria Lazio Campania Veneto Trentino Friuli Venezia Giulia) riunito a Campobasso. L’assemblea al termine dell’incontro ha, nel dettaglio, manifestato contrarietà al progetto perché “comporterebbe lo smembramento dei territori e in particolare delle periferie, con la perdita di fondamentali presidi di giustizia, la desertificazione delle aree interessate con irreparabili danni al tessuto socio-economico”. Nel documento stilato inoltre i rappresentanti dei Fori di Roma e Napoli, a loro volta, hanno sottolineato la “decisa contrarietà a ogni tipo di accorpamento nei loro distretti, già gravemente congestionati dai notevolissimi carichi di lavoro, nonché dalla lunga attesa della definizione dei procedimenti”. Analoga posizione è stata presa da altri grandi uffici, quelli che dovrebbero accorpare i minori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*