Basket. La Scandone ha una marcia in piu’.

La Scandone ora puo’ cominciare a pensare da grande squadra. Il basket italiano ha infatti trovato una seria candidata alla vittoria del tricolore. Dopo la sconfitta nella finale di Coppa Italia contro la corazzata Armani Milano tutti si aspettavano un crollo della compagine biancoverde attesa dalla trasferta in quel di Sassari contro i campioni d’Italia in carica. Ed invece Green e compagni hanno superato l’esame di maturità ed hanno lanciato un chiaro messaggio alle favorite per lo scudetto. Certamente non è stata la miglior partita della Scandone che ha dosato le forze per tutta la gara per poi restare lucida e concentrata quando occorreva portare a casa i due punti. Nei momenti caldi, Avellino ha fatto valere tutta la sua forza e solidità; una squadra sempre più matura che ha imparato a gestire le fasi cruciali delle partite dopo le nefaste prove di inizio stagione in cui la Sidigas, dopo aver condotto le gare in lungo e in largo, gettava la spugna sul più bello. Avellino anche quando non convince, vince ed è questa una cosa da tenere in gran considerazione per il prosieguo del campionato. Caoch Sacripanti da parte sua si gode questo momento dopo le critiche dei mesi scorsi che lo avevano portato sull’orlo dell’esonero. Ora Avellino viaggia con il vento in poppa e tutti sono felici, anche coloro che non piu’ tardi di qualche mese fa volevano la testa di Sacripanti. Ad Avellino invece grazie alla caparbietà del duo Alberani-Sacripanti potremmo ancora vivere pagine entusiasmanti di grande basket. Domenica arriva Cantu’ e Ragland e compagni non hanno alcuna intenzione di rallentare la loro corsa verso il vertice della classifica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*