Benevento. Ai domiciliari due giovani spacciatori.

Sono ritenuti i presunti responsabili di più episodi di spaccio di marijuana ed hashish.E’ questa l’accusa con la quale sono finiti agli arresti domiciliari Roberto Capozzi, 25 anni, di San Giorgio del Sannio, ed Andrea Centrella, 26 anni, di Calvi. Sono i destinatari di un’ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip Gelsomina Palmieri in un’indagine antidroga del sostituto procuratore Miriam Lapalorcia e della Squadra mobile. Nel mirino degli inquirenti alcune cessioni di sostanza stupefacente nell’arco temporale che va da novembre 2016 a gennaio 2017. Circostanze al centro di un’attività investigativa condotta dagli agenti del vicequestore Emanuele Fattori, nella quale sono rimasti impigliati anche altri quattro giovani, nei confronti dei quali, però, non è stato adottato alcun provvedimento restrittivo. Gli arresti in casa sono infatti scattati solo per Capozzi, al quale viene contestato anche il tentativo di incendio dell’auto di un poliziotto, e Centrella, che, difesi dall’avvocato Marcello D’Auria, sono ora in attesa di comparire dinanzi al giudice per l’interrogatorio di garanzia. Un appuntamento nel corso del quale potranno offrire, se non sceglieranno di avvalersi della facoltà di restarsene in silenzio, la loro versione sui fatti prospettati. Il nome di Capozzi era rimbalzato all’onore delle cronache già nel febbraio 2017, quando lui ed un’altra persona, come si ricorderà, erano stati beccati dalla Mobile, in flagranza di reato, per concorso in spaccio di marijuana. Sottoposti anche allora ai domiciliari, entrambi erano poi stati rimessi in libertà, dopo la convalida, su decisione del gip Flavio Cusani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.