Benevento. Il ponte San Nicola andava chiuso prima!

“Questa amministrazione dimostra, oramai quotidianamente, tutto il suo dilettantismo e la sua ignavia in ogni occasione “importante”. La recente chiusura del ponte San Nicola, dopo i tragici fatti di Genova, lo sta dimostrando ancora di più”. Lo scrive il meetup “Partecipazione a 5 Stelle”, che aggiunge: “Le criticità di quel ponte sono note da almeno 7 anni e tutti, nel corso di questo lungo periodo, hanno fatto finta di ignorarle. Qui non si parla di danni provocati dall’alluvione del 15 Ottobre 2015, ma di problemi strutturali che erano a conoscenza di tutti: dei vigili del fuoco “in primis”, intervenuti più volte sul posto e che lo chiusero dopo un sopralluogo; della Polizia Municipale, il cui Comandante con un’ordinanza lo riaprì; dei tecnici del Comune e dei dirigenti, che non fecero altro che andare sul ponte e guardarsi intorno e, probabilmente, anche del Sindaco Mastella che con il rifacimento della segnaletica orizzontale ed una risistemazione della pavimentazione, pensava di aver risolto il problema. Come ampiamente documentato da Sannio Report nel corso degli anni, con gli articoli del 2015 (e i video caricati sui social), – spiega la nota – i problemi strutturali dell’importante ponte non sono mai stati affrontati, ma sempre ignorati. Si è parlato di “confusione” del Sindaco Mastella, che nel dicembre 2016 lo inaugurò in pompa magna per poi chiuderlo adesso. Ma qui non si tratta di “confusione” , bensi di ignavia. La stessa cosa sta accadendo con le scuole comunali, il cui tema lo abbiamo già affrontato negli scorsi comunicati. Il non voler vedere la realtà, in questa città, è oramai all’ordine del giorno e gli amministratori gettano solo fumo negli occhi ai cittadini, ignari delle tante criticità presenti in città. Non possiamo accettare e consentire che l’attenzione venga a galla solo dopo tragici fatti e mai preventivamente, solo perchè il ponte San Nicola è un’altra opera del Morandi . La chiusura – continua “Partecipazione a 5 Stelle” – dimostra che qualcuno sapeva ma lo ha ignorato volutamente –un amministratore non chiude un ponte perché costruito da una ditta il cui viadotto è crollato dopo 40 anni – dovremmo, a questo punto, chiudere tutti i ponti ed i viadotti che la ditta ha costruito nel corso degli anni? Un amministratore chiude un ponte perché NON E’ SICURO.
Ed allora: perché non è stato chiuso prima? chi ha deciso che il ponte fosse staticamente sicuro, tale da riaprirlo nel 2016 dopo l’oramai famoso brindisi in pompa magna? perché i dirigenti del Comune non hanno mai sottolineato i problemi statici del ponte, pur conoscendoli? Ci sono evidenti omissioni, ed il Comune ha concesso, a noi comuni mortali, – conclude la nota – di passare su un ponte non sicuro in questi ultimi due anni. Questa è Benevento, questi sono i nostri amministratori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.