BENEVENTO. PROVINCIA HA NUOVO STATUTO.

Da oggi 24 luglio 2015 la Provincia di Benevento ha il suo nuovo Statuto.

Al 30° giorno di pubblicazione all’Albo Pretorio, come stabilito dalla norma, il Segretario Generale della Provincia di Benevento Franco Nardone ha infatti firmato in calce al documento l’attestazione della sua entrata in vigore. Redatto secondo il dettato della legge n. 56 del 2014, lo Statuto fu approvato all’unanimità dall’Assemblea dei Sindaci del Sannio lo scorso 16 giugno nella Sala Consiliare della Rocca dei Rettori di Benevento.

“Non sembri quello odierno un mero passaggio formale e burocratico privo di significato sostanziale” – ha ammonito in una dichiarazione diffusa oggi il Presidente della Provincia Claudio Ricci, che ha aggiunto: “l’approvazione dello Statuto da parte dei Sindaci e la sua entrata in vigore, al termine del periodo di trenta giorni di pubblicazione, costituiscono momenti densi di valori civili”.

Ricci ha così continuato: “Lo Statuto della Provincia di Benevento, infatti, si fonda sul riconoscimento e la riaffermazione di una storia e di una identità culturale che sono patrimonio fondamentale da conservare, tuterare e rivendicare, proprio in un momento come quello che stiamo vivendo. Le comunità numericamente più piccole e i territori marginali stanno vivendo nel nostro Paese, al Nord come al Sud, un periodo di acuta crisi, testimoniata dalla incombente desertificazione sociale che pare inarrestabile e che non viene contrastata efficacemente. E’ persino ovvio che questa fuga dall’interno verso l’esterno, e cioé verso le conurbazioni, solitamente attestate nei capoluoghi regionali, non risolve i problemi sociali dello sviluppo complessivo del Paese, ma anzi ne crea di aggiuntivi e gravissimi. Occorre, pertanto, riaffarmare e con la massima forza la dignità e la funzione storica dei piccoli centri e delle realtà minori e provinciali che invece sono la vera grande ricchezza del Paese”. Quindi il Presidente Ricci ha così concluso: “Lo Statuto della Provincia di Benevento, redatto con la massima condivisione politica ed istituzionale possibili con le stesse realtà locali, ci riempie di orgoglio. Esso si articola e si sviluppa proprio sul concetto del territorio inteso come grande opportunità e potenzialità. Lo Statuto, richiamando tutti i comprensori e tutti e 78 i Comuni che ne costituiscono il territorio, dalle penetrazioni vallive alle aree collinari e montane, è dunque la carta d’identità di una comunità che non intende arrendersi ai problemi e che vuole anzi combattere unita per risolverli nella competizione leale con le altre realtà. Lo Statuto è un solenne bigliettino da visita che il Sannio pone all’atto della discussione sui temi e sui progetti di rinascita e di sviluppo: per questo la sua entrata in vigore con le formalità e le procedura stabilite dalla legge 56 del 2014 rappresenta un momento importante che merita la considerazione ed il rispetto da parte di tutte le Istituzioni che hanno il dovere di riconoscere in quel documento la voce di un popolo che ha storia, tradizioni culturali, artistiche e storiche, ricchezze paesaggistiche e ambientali, qualità esclusive”.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*