BENEVENTO. RIUNIONE ALLA ROCCA DEI RETTORI PER LA FONDO VALLE ISCLERO.

Riunione di lavoro stamani per il Presidente della Provincia di Benevento  Claudio Ricci con i consiglieri provinciali Franco Damiano, Domenico Matera e  Renato Lombardi ed il responsabile del progetto ing. Salvatore Minicozzi del Settore Infrastrutture  della Provincia,  in merito alla strada Fondo Valle Isclero.

La riunione odierna, che fa seguito ad alcune altre convocate sullo stesso argomento da Ricci sin dal suo insediamento, ha riguardato i due ultimi chilometri necessari al completamento della strada collegante la Valle Caudina  sannita  con il casertano congiungendo le statali 7 Appia e 372 Telesina.

Per questo ultimo tratto, ancora da ultimare,  tutto in territorio di Sant’Agata dè Goti,    c’è un finanziamento di oltre 9 milioni di euro da parte della Regione Campania.

La costruzione dell’ ‘arteria fu avviata con gli inizi degli anni 90 del secolo scorso, ma  il suo completamento fu affidato alla Provincia solo con gli inizi del Duemila.

La Provincia , con fondi statali, regionali e del proprio bilancio ha provveduto a completare i diversi  tratti realizzati e a dotare il percorso degli svincoli ai diversi centri interessati.

In questi ultimi mesi, il settore Infrastrutture ha predisposto un progetto  capace anche di rendere migliore l’accesso alla nuova struttura ospedaliera  di Sant’Agata dè Goti e di innestarsi sulla provinciale Bucciano- Frasso Telesino.

Proprio per tale ragione  il Presidente Ricci  ha convocato l’odierno briefing.

Al termine del quale il Presidente  e i consiglieri hanno sottolineato come si stia lavorando per un progetto condiviso tra Consiglio Provinciale Autorità locali, Soprintendenza e Regione.

Presidente e consiglieri hanno infine osservato con soddisfazione che appare davvero prossimo il traguardo del completamento  di quest’arteria importantissima per la Campania di nord-ovest e che è destinata a sviluppare  le relazioni commerciali e l’accesso alle bellezze   naturali e culturali del Sannio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*