Benevento. Visita del Questore Bellassai allo spazio rigenerato e condiviso di “Casa Santa Rita”

Il Questore di Benevento dott. Giuseppe Bellassai, incontrando il vescovo della Diocesi mons. Domenico Battaglia, ha effettuato, in via informale, una visita allo spazio rigenerato e condiviso di “Casa Santa Rita” a Cerreto Sannita, sede della Caritas, della cooperativa sociale di comunità iCare e della Casa per la Pace “Don Tonino Bello”. Il Questore è stato accompagnato in un tour dai volontari della cooperativa che ha toccato le varie progettualità presenti all’interno della struttura: il Centro d’Ascolto, i laboratori della pasticceria di comunità “DolceMente” e di riciclo creativo e di sartoria sociale “EcoLab” e lo Sportello “DIT – Do it Together”. Al Questore è stato illustrato l’intero lavoro che, quotidianamente, viene svolto a “Casa Santa Rita”. Il legame, la sinergia e la comunione che s’è creata, non solo tra i volontari e gli utenti, ma anche tra il territorio e una Chiesa che vuole abitarlo. Al termine della visita, al Questore è stato fatto dono dei prodotti che vengono realizzati: il panettone di “DolceMente”, l’olio “Monsignor Olio” dell’Agricoltura Sociale e la shopper di “EcoLab”. “Chi entra a Casa Santa Rita – ha spiegato Bellassai – rimane in qualche modo affascinato, non dalla struttura in sé, ma dal lavoro che sta facendo mons. Battaglia e tutti coloro che donano il proprio tempo e la propria professionalità nei confronti di coloro che hanno più bisogno e che vivono un disagio. E’ fondamentale ritagliarsi dei momenti per calarsi in questa realtà. Perché il rischio è quello di vivere, un tantino isolati, ognuno per il proprio ruolo. E invece vedere quante persone di buona volontà e di buon cuore ci sono e tutto questo ti dà una grande carica e un grande stimolo. In un mondo, che molto spesso dimentichiamo, anche perchè presi da notizie negative, quello che ho visto a Casa Santa Rita è un mondo positivo che rilascia un messaggio di speranza. Per questo voglio solo dire grazie a mons. Battaglia e a tutti i volontari”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.