Bimba uccisa: a San Salvatore credono in innocenza indagato

“Non può essere stato Daniel. Ha la faccia del bravo ragazzo”. A San Salvatore Telesino in molti credono nell’innocenza di Daniel, il giovane romeno di 21 anni indagato per la morte di Maria, la bimba di nove anni trovata morta domenica sera in una piscina di un resort della zona. Nel piccolo paese sannita, dove tutti si conoscono, in molti credono che sia necessario seguire anche piste, anche quella di persone di passaggio. La comunità romena di circa 400 persone si è ben integrata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*