Bomba carta esplode davanti casa poliziotto in pensione.

Torna a salire la tensione nel Vallo di Lauro dopo che a Pago una bomba carta è esplosa davanti alla villetta di un poliziotto in pensione, a Pago del Vallo Lauro.  E’ giallo sull’intimidazione all’ispettore Roberto Baccichet, 63 anni, originario del Nord Italia ma da sempre residente nel piccolo comune irpino. Un servitore dello Stato che conosce bene le dinamiche criminali avendo prestato servizio, quasi una vita intera, alla Sezione Criminalità Organizzata della Questura di Napoli. Ecco perché, pur non escludendo alcuna pista, le indagini della Direzione Distrettuale Antimafia si concentrano soprattutto sull’ipotesi dell’attentato di natura camorristica. Al momento dell’esplosione, il poliziotto era in casa con la moglie. Nessuno dei due, fortunatamente, è rimasto ferito. Decine di persone hanno udito la deflagrazione e si sono riversate in strada.  La villetta del poliziotto è stata gravemente danneggiata. Al piano terra vetri in frantumi e infissi divelti. La bomba carta è stata collocata su un terrazzo posteriore dell’abitazione. Mobilitate la Squadra di Avellino e il Commissariato di Lauro. Sono stati intensificati i controlli delle forze dell’ordine sul territorio. Si cerca di capire quale sia il movente dell’attentato. L’ispettore Baccichet, da due anni in pensione, si era occupato nella sua attività anche di vicende che riguardano il Vallo di Lauro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*