Bus in scarpata: familiari vittime protestano ad Avellino.

I familiari di alcune delle 40 vittime del bus precipitato dal viadotto “Acqualonga” dell’A16 Napoli-Canosa il 28 luglio del 2013 hanno inscenato una protesta davanti al tribunale di Avellino, dove è in corso l’udienza del processo nei confronti di 15 imputati, a vario titolo, di omicidio colposo plurimo, disastro colposo e falso in atto pubblico. In particolare, i familiari contestano ad Autostrade per l’Italia spa la decisione di mantenere nell’organico della società funzionari e dirigenti indagati e chiedono di stringere i tempi del processo cominciato il 28 settembre del 2016 davanti al giudice monocratico, Luigi Buono. Secondo i parenti delle vittime, che sostengono l’azione svolta dal Procuratore capo di Avellino, Rosario Cantelmo, che nel processo sostiene l’accusa insieme ai pm Cecilia De Angelis e Adriano del Bene, le responsabilità per quella tragedia sono “chiare e chiamano direttamente in causa la società Autostrade, per la mancata manutenzione delle barriere poste a protezione del viadotto”. Su questo punto, la società Autostrade, attraverso tecnici e progettisti ascoltati come testi in udienza, ha sostenuto invece che “quelle barriere offrivano sufficienti garanzie di sicurezze e non andavano riqualificate o sostituite”. (ANSA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*