Calcioscommesse, procura Figc chiede retrocessione in serie D e -20 per il Teramo

logo figcRetrocessione all’ultimo posto in classifica dell’ultimo campionato di Lega Pro e 20 punti di penalizzazione da scontare nel prossimo campionato di Serie D per il Teramo, inibizione di 5 anni più richiesta di preclusione per il presidente Luciano Campitelli accusato di responsabilità diretta. E’ la richiesta del procuratore aggiunto della Figc, Gioacchino Tornatore, nella requisitoria del processo relativo alla presunta combine di Savona-Teramo del 2 maggio scorso (partita vinta dagli abruzzesi per 2-0 con conseguente prima, storica promozione in serie B). Per il Savona, retrocessione all’ultimo posto in classifica dell’ultimo campionato di Lega Pro, 10 punti di penalizzazione da scontare nel prossimo campionato di Serie D e 30mila euro di ammenda, oltre all’inibizione di 5 anni più richiesta di preclusione al presidente Aldo Dellepiane, anch’esso accusato di responsabilità diretta. Per quanto riguarda le altre richieste della procura federale, inibizione di 4 anni e 6 mesi e 70mila euro di ammenda per l’ex dirigente del Savona, Marco Barghigiani; squalifica di 6 mesi e 30mila euro di ammenda per il calciatore del Savona, Marco Cabeccia; inibizione di 6 mesi e 30mila euro di ammenda per l’ex consulente del Savona, Enrico Ceniccola; inibizione di 4 anni e 6 mesi e 70mila euro di ammenda per il ds del Teramo, Marcello Di Giuseppe; squalifica di 2 anni e 3 mesi e 40mila euro di ammenda per l’allenatore Fabio Di Lauro; 4 anni e 10 mesi e 85mila euro di multa di inibizione per l’ex ds dell’Aquila, Enrico Di Nicola; squalifica di 3 anni e 6 mesi e 60mila euro di ammenda per il calciatore del Savona, Davide Matteini; inibizione di 4 anni e 6 mesi e 70mila euro di ammenda per il dirigente Giuliano Pesce. Quanto all’ex tecnico di Savona Barletta, Ninni Corda, la procura federale riconosce le sue ammissioni e la fattiva collaborazione e in virtù dell’articolo 24 chiede la squalifica di un anno e 3 mesi. Per quanto riguarda, infine, i club dei tesserati deferiti, la procura federale ha chiesto un punto di penalizzazione da scontarsi nel prossimo campionato per Barletta, L’Aquila (più 40mila euro di multa) e Luparense San Paolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*