Camera di Commercio di Avellino, regna il caos.

Quanto sta accadendo alla Camera di Commercio di Avellino è il sintomo di un sistema che va assolutamente cambiato cercando di riportare al centro dell’attenzione l’interesse per quelli che sono i problemi delle imprese. Ora ci potrebbe essere in arrivo un nuovo colpo di scena. Infatti Salvatore Loffreda in qualità di vice presidente facente funzioni sta valutando la possibilità di convocare un nuovo Consiglio camerale fuori tempo massimo, con all’ordine del giorno proprio la proclamazione di Oreste La Stella alla presidenza dell’ente camerale. In molti ritengono che questa sarebbe una nuova forzatura e che porterebbe la vicenda nelle aule giudiziarie. Sulla scorta di nuovi e autorevoli pareri del Consiglio di Stato, ha spiegato Loffreda, valutiamo la possibilità di accogliere la richiesta delle associazioni che hanno votato La Stella, convocando una seduta per la sua proclamazione. Il servizio legale della Coldiretti nazionale ha dato una interpretazione positiva al criterio da noi richiesto per il raggiungimento del quorum. Intanto la regione Campania ha avviato l’iter per il Commissariamento e questo sarebbe un epilogo scontato alla luce dei quattro flop fatti registrare dall’assemblea. Prima di sciogliere giunta e consiglio, la Regione dovrà valutare con la propria avvocatura e con il Ministero dello Sviluppo il verbale della seduta. Ci vorranno ancora un paio di giorni prima che il verbale venga inviato alla regione. In quella seduta Oreste la Stella si fermò a 14 voti con nove associazioni a sostegno, e Federica Vozzella, candidata di Confindustria appoggiata dal presidente uscente Costantino Capone, si fermò a 12 preferenze. Per i sostenitori di La Stella forti anche di un pronunciamento del Tar Lombardia il quorum andava fissato in 14 voti approssimando cioè per difetto la metà dei consiglieri e aggiungendo una unità. Poi potrebbe inviare, in tempi non rapidi, un proprio funzionario a piazza Duomo. E toccherebbe proprio al commissario seguite l’iter per la fusione con la Camera di Commercio di Benevento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*