Camera di commercio di Benevento: la Uil chiede intervento di Corte dei Conti e Magistratura ordinaria.

La segreteria territoriale della Uil Federazione Poteri Locali di Benevento comunica di aver inviato alla Procura regionale della corte dei conti per la Campania, alla Procura della repubblica di Benevento, All’Ispettorato per la funzione pubblica, all’Ispettorato della ragioneria generale dello stato, al Ministero dello sviluppo economico, alla regione Campania e alla Guardia di finanza di Benevento la seguente nota: “La Camera di commercio di Benevento ha intentato nei confronti del segretario generale dell’Ente, dr. Vincenzo Coppola, una pratica giudiziaria – a tutti i livelli possibili e immaginabili – per la restituzione della retribuzione di risultato degli ultimi anni per un totale complessivo di circa € 180.000,00, dopo aver ritenuto che la sua erogazione fosse stata, in parte, illegittima. Ma, a fronte di questo, si vorrebbe costituire – in convenzione con la Camera di commercio di Salerno – un ufficio temporaneo, per sei mesi, per avere a Benevento il segretario generale e due dirigenti (area economico-finanziaria e area servizi interni e promozionale) per un giorno la settimana per la “trascurabile” spesa di € 45.000,00, oltre oneri riflessi per il segretario generale, e € 25.000,00 cadauno, oltre oneri riflessi, per i due dirigenti! A questa spesa folle si dovrebbero poi aggiungere € 800,00 al mese per ognuno di detti dirigenti, quale rimborso spese forfettario! Se stessimo su “Scherzi a parte”, forse potremmo anche riderci sopra. Ma questa che abbiamo descritto è la triste realtà, che costerebbe alle casse della camera di commercio di Benevento la bellezza di € 200.000,00 in sei mesi! Pertanto, prima ancora che il disegno osceno possa essere messo in atto, Vi chiediamo di voler intervenire per disinnescare questa bomba e farla finita rispetto alla querelle che riguarda il dr. Coppola. Sembra che questo argomento sia diventato il paravento per buttare i soldi dell’Ente dalla finestra!”

“E’ davvero immorale – dichiara Antonio Pagliuca, segretario responsabile della Uil Fpl sannita – che il presidente della camera di commercio Antonio Campese avvii una pratica di recupero di alcune indennità erogate al segretario generale Coppola, che si presumono illegittime, e poi pensi di poter impunemente regalare a tre dirigenti salernitani la somma di € 200.000,00 in sei mesi! Se questo disegno andasse importo – conclude Pagliuca – il segretario generale di Salerno ci costerebbe, compreso oneri riflessi, 2.500,00 euro ogni volta che metta piede a Benevento! Mentre i dirigenti costerebbero appena 1.500,00 euro a venuta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*