Campania: Borrelli, sanità allo sfascio e senza commissario

“Parentopoli, assenteismo, problemi di organizzazione, scandali sessuali, tangenti…la sanità campana, nonostante gli sforzi delle tante piccole e grandi eccellenze, è ancora in una situazione di emergenza assoluta ed è assurdo che, a distanza di oltre un mese dalle dimissioni di Polimeni, il ministro Lorenzin non abbia ancora nominato il nuovo Commissario”. Lo ha detto il presidente del gruppo consiliare Campania libera, Psi e Davvero Verdi, Francesco Emilio Borrelli, componente della Commissione Sanità, ricordando che “tutti i dati confermano lo stato di sofferenza della sanità campana che non garantisce i livelli essenziali di assistenza e che condanna i campani ad avere l’aspettativa di vita più bassa della media italiana”. “Il ministro Lorenzin non può continuare a condannare la Campania a non avere un servizio sanitario efficiente” ha aggiunto Borrelli per il quale “gli interessi politici non devono essere anteposti agli interessi dei cittadini campani ad avere un’adeguata assistenza sanitaria”. “Tra l’altro, il commissariamento esterno e l’anarchia sta permettendo a chi ha ridotto la sanità in queste condizioni di riprendere potere come dimostrano le posizioni di comando conservate dai fedelissimi di Cosentino che continuano ad avere ruoli di primo piano nelle strutture sanitarie casertane e anzi stanno rialzando la testa rimettendo le mani nei ruoli chiave sanitari” ha concluso Borrelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.