Campania: Palmeri, chiarezza su destino dipendenti Centri per l’impiego.

Il piano di potenziamento dei servizi per il lavoro al centro della Conferenza Stato-Regioni cui hanno presenziato, in rappresentanza della Regione Campania, il vicepresidente Bonavitacola e l’assessore al Lavoro Sonia Palmeri. Tra i temi all’ordine del giorno il potenziamento dei servizi per il lavoro, la sottoscrizione delle convenzione fra Ministero del Lavoro e singole regioni. “Chiediamo definitivamente chiarezza al Governo centrale – ha detto in Commissione l’assessore Palmeri – sul destino dei dipendenti dei Cpi della Campania. Diciamo un no forte e chiaro a qualsiasi ipotesi tampone. Dal 1 Gennaio 2018 i circa 600 lavoratori dei 46 Cpi della Regione Campania devono avere ben chiaro il loro destino”. “I Cpi pubblici rappresentano l’infrastruttura essenziale per far funzionare le misure di politica attiva del lavoro messe in campo dalla nostra regione – ha proseguito la Palmeri -. Abbiamo un piano per il lavoro che cuba complessivamente 400 milioni di euro e che ha permesso già di avere oltre 18.500 nuove assunzioni in 18 mesi di lavoro. In questo quadro generale i circa 600 dipendenti dei servizi pubblici per il lavoro in avvalimento alla Regione Campania rappresentano una risorsa essenziale e responsabile. Lo hanno dimostrato anche in occasione dell’ iniziativa “Il sabato del Lavoro” dello scorso 29 aprile quando hanno scioperato lavorando. Uno sciopero all’ inverso per attirare l’ attenzione sulla loro condizione lavorativa che deve essere chiarita in modo definitivo ed al più presto possibile”. “Intanto – ha concluso l’assessore – chiediamo al Ministro del Lavoro Poletti di firmare subito la convenzione per il 2017, che porterà al trasferimento alla Regione Campania dei fondi per il pagamento degli stipendi e delle spese di funzionamento. L’assessore Palmeri poi ha richiamato con forza l’ attenzione sulla situazione della Provincia di Caserta che è in dissesto finanziario e per tale motivo soffre doppiamente il disagio economico”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*