Cantelmo: l’Isochimica è una delle ferite aperte in Irpinia.

L’Isochimica è una delle ferite aperte in Irpinia. Credo che l’aver trascurato questa vicenda per anni sia stata una colpa imperdonabile. Le vittime e i loro familiari troveranno soddisfazione in sede processuale dove tutti saremo chiamati a fare la nostra parte”.Queste le parole pronunciate dal procuratore della Repubblica di Avellino Rosario Cantelmo che stamattina ha partecipato alla Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. In migliaia hanno preso stamane parte al corteo che partito dallo Stadio Partenio lombardi si è chiuso nei pressi della fabbrica dei veleni a Borgo Ferrovia. Questa è l’antimafia della presenza e dell’impegno e non solo delle parole, ha detto ancora il procuratore Cantelmo. “E’ una manifestazione molto importante per quelli che saranno i cittadini di domani, consapevoli del fatto che si sta lavorando per vivere nel futuro senza l’ombra della criminalità organizzata – ha continuato Cantelmo – In Irpinia tante sono le ferite aperte, l’impegno va mantenuto sempre vivo contro gli atteggiamenti negativi, di connivenza che viviamo ogni giorni, occorre ricordare quanti hanno sacrificato la propria vita per un ideale più alto”. Sulle mafie in provincia di Avellino e i recenti scandali giudiziari che hanno toccato la città capoluogo, Cantelmo ha affermato: “In questa provincia, specie nella parte a confine col napoletano, c’è una parte di territorio che è fortemente a rischio. Sui processi in corso non si deve e non si può parlare, credo però sia importante passare dalle parole ai fatti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*