Caporalato: tre ministri firmano protocollo ‘contro’

Il ‘Protocollo contro il caporalato e lo sfruttamento lavorativo in agricoltura’ è stato firmato oggi dai ministri Martina (Agricoltura), Poletti (Lavoro) e Alfano (Interni). L’intesa sottoscritta alla presenza, tra gli altri, del governatore della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha raccolto le adesioni delle Regioni Basilicata, Calabria, Campania, Piemonte, Puglia e Sicilia, nonché delle organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil e le associazioni del mondo agricolo e Cna.Contro il caporalato e per il miglioramento dell’accoglienza dei lavoratori ”centrale” – si legge nel Protocollo sottoscritto da Martina, Alfano e Poletti – sarà la regia delle Prefetture che sui territori saranno chiamate a una azione di coordinamento, grazie all’attivazione di Tavoli permanenti, presieduti dai prefetti e finalizzati ad individuare i progetti da realizzare in base alle esigenze delle singole realtà territoriali. Il Ministero del Lavoro garantirà e faciliterà il confronto tra le parti sociali e istituzionali anche con la promozione di campagne di informazione e sensibilizzazione sulla tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Al Ministero delle politiche agricole spetta invece il coordinamento delle operazioni di controllo del territorio del Corpo forestale dello Stato che rafforzano e affiancano le attività di vigilanza dell’Ispettorato nazionale del lavoro.”Da oggi parte una lotta ancora più dura al caporalato, abbiamo deciso di fare una battaglia specifica e mirata” ha detto il ministro Alfano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*