Carabinieri arrestano un rumeno per furto e denunciano la sorella.

Prosegue senza sosta la lotta alla piaga rappresentata dalla criminalità predatoria, condotta dal Comando Provinciale Carabinieri di Avellino e che ogni giorno vede impiegati i militari dell’Arma in un capillare controllo del territorio teso a garantire senso di sicurezza e rispetto della legalità.
Nella decorsa notte, a finire nella rete del dispositivo preventivo messo in campo dall’Arma irpina, un 29enne che, congiuntamente alla sorella 27enne, si è reso responsabile del reato di furto in abitazione.
I due, entrambi di origine romena e residenti a Serino, avevano deciso di mettere a segno un furto in un’abitazione ubicata in Santa Lucia di Serino. Dopo aver forzato una finestra e penetrati in casa, l’azione delittuosa veniva interrotta dalla proprietaria che, sola in casa, destata dai rumori provocati dai ladri, non esitava ad allertare il 112. Ricevuta la segnalazione, la Centrale Operativa di Avellino disponeva in tempo reale l’invio di una Gazzella già in servizio in quell’area che piombava sul posto sorprendendo l’uomo che, vistosi scoperto, abbandonava la refurtiva e tentata la fuga. Prontamente bloccato veniva condotto in caserma. Le immediate indagini permettevano sia di individuare il complice nella di lui sorella sia di accertarne la responsabilità anche per un altro furto perpetrato presso un’abitazione del medesimo comune dov’erano stati asportati utensili da lavoro rinvenuti presso un’impresa del luogo. Alla luce delle evidenze emerse dalla flagranza di reato l’uomo, gravato da specifici precedenti di polizia, veniva dichiarato in arresto e posto a disposizione della Procura di Avellino diretta dal Procuratore Dott. Rosario Cantelmo, mentre la sorella deferita in stato di libertà a titolo di concorso. Venivano altresì denunciati per il reato di ricettazione due persone, un 58enne ed un 37enne titolari dell’impresa al cui interno veniva rinvenuta parte della refurtiva oggetto del precedente furto che, recuperata, è stata restituita all’avente diritto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.