Carcere di Poggioreale: restituite dignità a chi sconta una pena. La nota di Franco Petraglia.

Dopo i due casi di suicidio che si sono verificati nel carcere di Poggioreale, l’associazione ex detenuti è sul piede di guerra e punta il dito contro le istituzioni. Le accuse riguardano l’invivibilità della casa circondariale, la struttura fatiscente, i circa 600 detenuti in più che affollano le celle e le condizioni disumane a cui vengono sottoposti questi nostri fratelli sfortunati. In presenza di questi fatti gravi e sconcertanti, è necessario e opportuno porre fine a questo spettacolo indegno che non fa affatto onore all’Italia. In altre parole, restituire a queste persone la giusta dignità che spetta loro, in un Paese civile e democratico,per diritto giuridico, etico e morale. Ministro della Giustizia, organi competenti, politici tutti e Amnesty International, se ci siete battete un colpo! Il grande giurista e filosofo milanese diceva: “Non vi è libertà ogni qual volta che le leggi permettano che, in alcuni eventi, l’uomo cessi di essere persona e diventi cosa”. E lo spirito di San Francesco d’Assisi ci insegna: “Dove c’è disperazione portiamo speranza, dove c’è sfiducia portiamo amore e sobrietà di vita”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.