Carceri:garante regionale incontra detenute madri in Irpinia

Il garante regionale per le persone prive della libertà personale, Samuele Ciambriello, si è recato in visita nell’Istituto a Custodia Attenuata per detenute madri (ICAM) di Vallo di Lauro (Avellino), in compagnia di Chiara Marciani, assessore regionale alla Formazione e Pari opportunità. Ciambriello e Marciani sono stati accolti dal direttore Paolo Pastena e dai volontari: poi hanno incontrato e madri detenute e i loro bambini e con i quali hanno condiviso alcuni doni per festeggiare l’approssimarsi della Pasqua. Nell’ICAM di Lauro sono presenti 8 mamme e 10 bambini. La struttura – a lungo destinata al trattamento di detenuti con problemi di tossicodipendenza – è stata riconvertita in istituto a custodia attenuata per madri con bambini al seguito. L’ICAM, che può ospitare fino a 35 donne con bambini, è entrato in funzione il 12 giugno 2017. “Ero stato qui a dicembre, – ricorda Ciambriello – organizzando il pranzo di Natale, in compagnia della Presidente del Consiglio regionale Rosetta D’Amelio e avevo promesso che sarei ritornato. Sono molto grato che oggi l’Assessore Marciani abbia voluto trascorre con noi l’intera mattinata e abbia potuto verificare di persona tutte le complesse problematiche che riguardano il delicato tema dei minori dietro le sbarre”. “Oggi, nel constatare – ha proseguito Ciambriello – che in questa struttura le condizioni detentive sono sicuramente tra le più avanzate, per standard detentivi e per spazi a disposizione, e la generosa disponibilità del personale dell’amministrazione penitenziaria, devo comunque dire che si stringe il cuore a vedere delle bambine e dei bambini costretti a vivere tra le sbarre. Dobbiamo lavorare affinché si rafforzi il sistema delle misure alternative e ad immaginare maggiori forme di tutela perché il carcere può avere un impatto indelebile nello sviluppo dei bambini. Come dice Papa Bergoglio una società che abbandona i bambini è una società che oscura il suo futuro”. “Con l’Assessore Marciani – ha concluso Ciambriello – intendiamo avviare iniziative di formazione per consentire che il tempo di detenzione, che ci auguriamo sia il più breve possibile, possa diventare per le madri qui presenti un tempo impiegato utilmente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.