Cassazione annulla condanna di Pietro D’Ambrosio originario di San Martino V.C.

La Corte Suprema di Cassazione ha annullato la sentenza della Corte di Appello di Napoli, che aveva condannato D’Ambrosio Pietro, originario di San Martino V.C., alla pena di anni 1 mesi 5 e giorni 10 di reclusione per detenzione e spaccio di sostanza stupefacente. I Supremi Giudici hanno accolto il ricorso presentato dal suo difensore di fiducia, il penalista avv. Francesco Perone, ordinando la trasmissione degli atti alla stessa Corte d’Appello per la celebrazione di un nuovo processo.
L’uomo era stato tratto in arresto dai Carabinieri di Montesarchio, alla vigilia di natale del 2008 poiché trovato in possesso di circa 17 grammi di cocaina. Era stato quindi processato con giudizio direttissimo dinnanzi al Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Benevento – dott. Flavio Cusani – che lo aveva condannato alla pena di 2 anni e 2 mesi di reclusione, pena poi ridotta in Appello in accoglimento di una censura mossa sempre dall’avv. Perone. L’annullamento della Corte di Cassazione per un cavillo rilevato dal difensore farà si che il nuovo processo in grado di Appello dovrà concludersi entro l’estate, poiché in caso contrario, il reato potrebbe incorrere nella tagliola della prescrizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*