Centri Migranti: Ruta respinge ogni addebito ribatte alle contestazioni punto per punto.

Sono proseguiti questa mattina davanti al Gip Gelsomina Plamieri gli interrogatori delle persone indagate nell’inchiesta sulla gestione dei centri migranti nel Sannio. C’era attesa per l’interrogatorio di Salvatore Ruta di 58 anni carabiniere in servizio alla Compagnia di Montesarchio e difeso dall’avv.Vittorio Fucci junior. Il Ruta ha ribattuto punto per punto alle contestazioni del Gip Palmieri e del procuratore aggiunto Giovanni Conzo e del sostituto Patrizia Filomena Rosa. Ruta ha fornito la documentazione riguardante il fatto che il figlio è in servizio ai Nas di Napoli e non di Salerno e quindi non poteva essere a conoscenza delle indagini su Paolo Di Donato e su una imminente ispezione nei centri migranti del Sannio. Il giorno delle ispezioni dei Nas il figlio di Ruta poi come risulta era in servizio nei comuni di Caivano e Afragola e quindi non poteva essere a Benevento. Inoltre a proposito della vicenda dell’appartamento, Ruta ha consegnato al Gip la documentazione che l’appartamento era in uso a lui dal 2013 quindi circa tre anni prima rispetto alla vicenda contestata. L’avv.Vittorio Fucci junior al termine dell’interrogatorio ha chiesto al Gip la revoca della misura cautelare e il Gip si è riservato al decisione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.