Cervinara: esemplare punizione per quattro studenti del De Sanctis.

Può apparire singolare come punizione, ma è stata già testata in tanti altri istituti di tutta Italia, dando degli ottimi risultati. Non è un modo per umiliare gli studenti, ma per inculcare loro il dovuto rispetto per i docenti, per gli operatori scolastici e per tutti i compagni. Per la prima volta, quattro ragazzi dell’istituto superiore Francesco De Sanctis di Cervinara dovranno effettuare, per una settimana, lavori socialmente utili. I quattro, nei giorni scorsi, si sono resi protagonisti di comportamenti particolarmente scorretti. Non si è trattato di un unico episodio ma di vari fatti che hanno portato la dirigente scolastica ed i docenti ad assumere delle forti decisioni. I ragazzi sono stati sospesi per due settimane. La prima senza frequenza, ossia, sono rimasti a casa a meditare sulle loro malefatte. La seconda, invece, con frequenza, ma con una frequenza particolare. Per tutti questi giorni in cui sono sospesi, negli orari di spacco o durante le ore più leggere di lezioni, dovranno effettuare dei lavori a favore della scuola. Intendiamoci, nulla di particolarmente pesante. Ad esempio, dovranno rimettere in ordine l’aula magna o i laboratori, dopo che sono stati usati dai loro compagni e, magari, qualche volta spazzare le scale. Si era pensato anche a degli interventi di giardinaggio, ma fa troppo freddo per farli lavorare all’esterno, Non solo, la punizione è stata comunicata ed accettata anche dai genitori, insomma tutto secondo la norma. Lavori di poche decine di minuti che, però, sono un segnale importante per tutti coloro che vorrebbero emulare le loro gesta. E’ un vero e proprio giro di vite che si è voluto dare all’istituto per far capire che è necessario far restare fuori dalla scuola determinati comportamenti. Del resto, le notizie che arrivano sull’aggressività degli studenti non sono per nulla rassicuranti. Così, la dirigente scolastica dell’ istituto omnicomprensivo Francesco De Sanctis di Cervinara, Serafina Ippolito, ha voluto dare un segnale, ha suonato un campanello di allarme prima che, per qualcuno, possa essere troppo tardi. Senza contare che quello dei lavori socialmente utili è solo uno dei tanti provvedimenti che è stato preso. In questi giorni, stanno arrivando nelle case di tutti gli studenti le pagelle del primo quadrimestre che, a quanto pare, per alcuni sono, particolarmente dure, Per chi resta indietro saranno effettuati corsi di recupero a scuola, ma sul comportamento non si transige. Gli studenti devono capire che la scuola, gli insegnanti, gli operatori e gli stessi compagni, non possono subire in alcun modo le loro angherie. Vedere quattro loro compagni al lavoro, può far meditare tutti e mettere un freno alla loro anarchia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.